Brides Of DestructionRunaway Brides

Brides Of Destruction - Runaway Brides

Mascot
Pubblicato il 15/11/2005 da divine
Brides Of Destruction - Runaway Brides
Chi vide la band di Tracii Guns dal vivo per il tour di ?Here Come The Brides? non starà aspettando certo a gloria questo disco. Talmente vuote e sconsolanti in studio le canzoni estratte dal debutto suonate dal vivo erano forse ancora peggiori. Anche in questo caso la vera protagonista dell'album e' la noia non certo accompagnata con dissolutezza. ?I Don?t Care? e ?2 Times Dead? sono inutili e puerili i tentativi di fare decollare un disco assolutamente anonimo che se fosse suonato da qualunque band sconosciuta al mondo non verrebbe probabilmente nemmeno recensito. Non ci sono salti temporali che tengano e pure la produzione sfiora la piattezza assoluta come se la scelta dei suoni fosse stata fatta a caso. Se n'è accorto Ginger dei Wildhearts che dopo un paio di settimane nella band ha capito come funzionavano le cose e ha fatto subito i bagagli. Di musica ce n'è poca, di atteggiamenti pericolosi ancora meno e la voce di London LeGrand non regge due canzoni di fila. I Brides Of Destruction sono semplicemente un gruppo che non dovrebbe esistere. Devo aggiungere altro ?

Tracks

1 Aunt Biente (1:08)
2 Lord of the Mind (4:22)
3 Dead Man"s Ruin (3:01)
4 Criminal (4:11)
5 This Time Around (4:02)
6 White Trash (3:46)
7 Brothers (3:26)
8 Never Say Never (5:14)
9 Blown Away (2:55)
10 Porcelain Queen (4:22)
11 White Horse (3:14)
12 Tunnel of Love (4:38)
13 Dimes in Heaven (5:11)
Brides Of Destruction
Brides Of Destruction
From: USA

Discografia

2004 Here Come The Brides
2005 Runaway Brides


comments powered by Disqus