Born From PainWar

Born From Pain - War

Metal Blade/Audioglobe
Pubblicato il 29/06/2007 da Roberto Michieletto
Born From Pain - War
Sapete qual è il bello di un disco come ?War?? Quello che sei lì che lo ascolti e ti pare di essere immerso nella bolgia infernale ai piedi del palco, mentre in quel preciso istante, di fronte a te, si stanno esibendo i Born From Pain e tu stai partecipando all?evento con un trasporto fisico ed emotivo totale. Il sound ti entra dentro, ti genera e ti rigenera, ti carica e ti esplode nel corpo come una dinamite capace di donare vita, anziché generare morte! Sei lì e stai sperimentando tutto ciò sulla tua pelle e pure nel momento in cui ti accorgi che in realtà ti trovi nel salotto di casa non puoi evitare di immedesimarti con la situazione ideale venutasi a creare, anche se ?War? è in realtà uno studio album e possiede le migliori caratteristiche dello studio album, compresa una registrazione e produzione stratosferica gestita da Tue Madsen (Cataract, Hatebreed, Kataklysm, The Haunted, In-Quest, Raunchy, Becoming The Archetype, Mnemic, ecc.). I Born From Pain hanno preso l?esperienza accumulata in dieci anni di concerti e il bagaglio sonoro personalizzato (hanno tre dischi alle spalle) e derivato (non fanno mistero di essere cresciuti ascoltando Merauder, Bolt Thrower, Obituary, Integrity, Testament, Slayer e Agnostic Front) e lo hanno coagulato in un demonio di album. Dodici tracce (undici se si considera che ?Behind Enemy Lines? è presente in due versioni, una delle quali con Barney Greenway dei Napalm Death; altri ospiti sparsi sono Jan Chris De Koeijer di Gorefest, Pepe di Hatesphere e Lou Koller di Sick Of It All), che creano suoni spaventosi e brutali per intensità e carica di ?mosh groove?, con killer riff, ritmiche instancabili e breakdown paurosi. Musicalmente si può certamente parlare di New York hardcore, thrash e death mescolati in modalità crossover, quindi in una prospettiva diversa dal metal-core odierno (infatti il loro approccio è ?old style? in questo senso), ma non sottovaluterei neppure il feeling noise-core, che emerge in certi passaggi. ?War? è lavoro dinamico e pesante, ma agile nel muoversi al fine di produrre devastazione e sprigionare rabbia e insoddisfazione, aggressivo e letale. In una scena come quella del metal-core (ma avrete capito che qui si va oltre) dove si fatica a distinguere il sound di un gruppo da quello di un altro i Born From Pain possono camminare a testa alta, perché la loro identità non solo è preservata, ma risplende di luce propria.

Tracks

01 - Relentless
02 - Behind Enemy Lines
03 - Stop At Nothing
04 - Bury Me Fighting
05 - Crusader
06 - Grey Life
07 - The War Is On
08 - Scorched Earth Black
09 - Eyes Of The World
10 - Doomsday Clock
11 - Iron Will
Born From Pain
Born From Pain
From: USA

Discografia

Reclaiming the Crown 2000
Sands of Time 2003
In Love with the End 2005
War 2006
Survival 2008
The New Future 2012
Dance with the Devil 2014


comments powered by Disqus