Brandon BoydThe Wild Trapeze

Brandon Boyd - The Wild Trapeze

Epic
Pubblicato il 14/08/2010 da divine
Brandon Boyd - The Wild Trapeze
Incantevole debutto solista per il cantante degli Incubus che č riuscito a ritagliarsi spazio personale dopo la pubblicazione di "Monuments And Melodies". In attesa di ascoltare il successore di "Light Grenades" arrivano nei negozi queste dieci canzoni accompagnate da una presentazione scritta dallo stesso autore con una vecchia macchina da scrivere dai tasti usurati. Esattamente come si puņ immaginare fissando la copertina "The Wild Trapeze" č un tentativo di equilibrio, un continuo sbilanciarsi su coordinate sonore differenti che la voce insuperabile di Brandon Boyd rende un gioco da ragazzi. Si passa dalla psichedelia al pop, dal funk all"art rock senza troppe regole da seguire se non quelle di un"espressivitą sublime. Oltre alla musica assumono una grande importanza le liriche che richiamano memorie dell"adolescenza vissuta a Calabasas, frammenti del Moonpark College, passaggi determinanti della sua carriera di musicista e ancora un retaggio culturale enorme capace di spostarsi da installazioni di arte contemporanea a scrittori come Henry Miller e Tom Robbins. La title track e "Here Comes Everyone" ingaggiano una sfida aperta con "Make Yourself" e "Morning View" mentre l"eclettismo di "Dance While The Devil Sleeps" e la tribalitą di "Runaway Train" ci trasportano su mondi lontani. E" palese la libertą compositiva che Brandon Boyd ha potuto prendersi in questa occasione ma per l"ascoltatore questo rappresenta tutt"altro che un difetto. Un capitolo a parte spetta alla meravigliosa "Last Night Of A Passenger" che definisce il termine artista nei minimi particolari.

Tracks

1. The Wild Trapeze
2. Here Comes Everyone
3. Dance While The Devil Sleeps
4. A Night Without Cars
5. Revenge of the Spectral Tiger
6. Courage And Control
7. Runaway Train
8. Last Night A Passenger
9. Mirror of Venus
10. All Ears Avow!
Brandon Boyd
Brandon Boyd
From: USA

Discografia

The Wild Trapeze (2010)


comments powered by Disqus