Blind Guardian - At The Edge Of Time

Year: 2010
Label: Nuclear Blast
Distro: Warner Music Gr...
Tracks:
01. Sacred Worlds
02. Tanelorn (Into The Void)
03. Road Of No Release
04. Ride Into Obsession
05. Curse My Name
06. Valkyries
07. Control The Divine
08. War Of The Thrones (Piano)
09. A Voice In The Dark
10. Wheel Of Time
Al momento di condividere le impressioni dei colleghi su questo album ho constatato una certa superficialità nell"approccio analitico che purtroppo è comune nella stampa italiana. Non c"è una sola recensione di quelle che ho letto in giro di "At The Edge Of Time" dove non si sottolinei come "Imaginations From The Other Side" e "Nightfall In Middle Earth" siano dischi irripetibili e che ogni sforzo della band sia inutile. Per quanto possa essere aderente alla realtà la prima affermazione partire da una premessa del genere significa a mio parere svilire il contenuto artistico di quattro musicisti che continuano a portare avanti un certo tipo di discorso musicale e compromettere quello che deve essere un giudizio oggettivo del valore di una manciata di canzoni. Per fortuna non tutti la pensano come alcuni giornalisti altrimenti i Blind Guardian si sarebbero già sciolti e due full lenght solidi come "A Twist In The Myth" e "At The Edge Of Time" non avrebbero mai visto la luce. La prima novità in casa dei tedeschi è quella di una orchestra a totale disposizione e partiture che non sono state intaccate dagli arrangiamenti. Un elemento chiave per non ripetere gli errori di "A Night In The Opera" e mantenere il raccordo col glorioso passato. "Sacred Worlds" è il pezzo più commerciale del disco e non a caso è stato scritto per un videogame e inserito all"inizio. Subito dopo "Tanelorn (Into The Void)" mostra un buon tiro ma allo stesso tempo un ritornello non all"altezza dei singoli passati e quindi un gradino inferiore alle aspettative. E" da "Road Of No Release" in poi che la voce di Hansi Kürsch comincia a farsi più consistente e le trame disegnate dalle chitarre di André Olbrich e Marcus Siepen più sofisticate. "Curse My Name" e "Control The Divine" rappresentano una prevedibile immersione nelle atmosfere medievali care agli autori eppure di certe cadenze non possiamo davvero fare a meno. Ancora più esaltanti "Vaklyries" e "Wheel Of Time" che confermano la qualità di un songwriting che ha saputo mantenersi fresco negli anni nonostante l"avvento di trend avversi e la crisi del mercato musicale. "At The Edge Of Time" è un album ambizioso che ha bisogno di numerosi ascolti per essere totalmente apprezzato. Quello che vi chiedo è di non farvi condizionare dalla nostalgia per i tempi che furono perché i Blind Guardian hanno ancora molto da dire e le nuove generazioni hanno estremamente bisogno di gruppi di tale caratura.

A cura di divine @ 23/07/2010
 
Blind Guardian
From: Germania
Site: www.blind-guardian.com

Discografia:
1988 Battalions Of Fear
1989 Follow The Blind
1990 Tales From The Twilight World
1992 Somewhere Far Beyond
1995 Imaginations From The Other Side
1998 Mirror Mirror
1998 Nightfall In Middle-Earth
2002 A Night At The Opera
2006 A Twist In The Myth
2010 At The Edge Of Time

Reviews:




Commenta anche tu l'articolo
Loggati per inserire un commento Login



Dagheisha.com 2011 versione 1.5 - To view mobile version Click Here.