XP8 - Drop The Mask

Year: 2010
Label: Infacted Record...
Distro: Audioglobe
Tracks:
01 Blind
02 Want It (feat. Daniel Graves)
03 One True God
04 One Pill Missing
05 Breathe The Poison In
06 Awake, Restart
07 Born Dead (feat. Faderhead)
08 Out Of Control
09 Drop The Mask
10 Scorpio Eyes
11 Out For Blood (feat. Fetish Dolly)
12 Bad Guys
13 Our Time (pt.II)
Pensate a quante volte i cosiddetti ?appartenenti? al movimento ebm o electro-alternative hanno manifestato insofferenza e portato critiche al loro ambiente e alle persone che lo frequentano. Negli anni ottanta abbiamo avuto un paio di gruppi in grado di competere a livello internazionale poi ci siamo irrigiditi sulla nostra precarietÓ rilasciando solo dischi mediocri e vivendo di subdoli retaggi e invidia nei confronti di scene realmente creative e produttive. Adesso Ŕ venuto il momento di dire basta, di gettare la maschera e lasciarci giudicare per quello che siamo davvero. Dopo un"anteprima del calibro di "Want It" non avremmo accettato un disco di medio livello dagli XP8, qualche buona idea e una serie di filler tanto per rimanere nella memoria della gente. "Drop The Mask" Ŕ tutt"altro, fin dalle abrasive note di "Blind" scava nell"anima dell"ascoltatore spingendolo a una deprimente confusione mentale. La commistione tra invettive liriche, accattivanti stacchi dance e frammenti sonori devoti agli anni ottanta cresce di canzone in canzone impedendo non solo una facile catalogazione ma mostrando una evoluzione sistematica a partire da "The Art Of Revenge" ? il legame col disco precedente viene sottolineato dalla reprise di "Our Time" ? e dai recenti remix. In giro si parla di indie-electronic, le riviste specializzate e i forum tentano di definirlo facendo anche delle brutte figure e sinceramente io stesso non saprei collocarlo in un limbo preciso. La sola cosa certa Ŕ che "Drop The Mask" sfreccia in quel limbo, ne assorbe l"influenza ma orgoglioso prosegue per la sua direzione futuristica mantenendo un"identitÓ precisa. C"Ŕ solo "One True God" quindi, solo "One Pill Missing" per scegliere se passare dall"altra parte o restare un corpo che attende il proprio declino. Il contributo di Faderhead in "Born Dead" e la rilettura di "Out Of Control" dall"esordio di She Wants Revenge irrobustiscono la parte centrale dell"album prima che la title track segni in maniera definitiva il passaggio degli italiani tra i grandi dell"elettronica mondiale. Guardatevi intorno, non rimanete in silenzio di fronte all"evidenza ma prima di tutto fissatevi allo specchio e cercate di capire quello che non va.

So blind, so dull and so untrue...

A cura di divine @ 16/01/2010
 
XP8
From: Italia
Site: www.xp8.org

Discografia:
Forgive[n] (2004)
Re_Productions (2004)
Hrs:Min:Sec (2005)
The Art Of Revenge(2008)
Drop The Mask (2010)
X - A Decade Of Decadence (2011)
Adrenochrome (2013)

Reviews:




Commenta anche tu l'articolo
Loggati per inserire un commento Login



Dagheisha.com 2011 versione 1.5 - To view mobile version Click Here.